Tolentino e Abbadia di Fiastra

Home / News / Dintorni / Tolentino e Abbadia di Fiastra

abbadia-fiastra

Proseguendo la visita nei luoghi sacri marchigiani, si arriva a Tolentino, che ospita uno dei santuari più importanti dell’Italia centrale: la basilica di San Nicola da Tolentino. Il Santo (1245-1305) fu frate agostiniano, fu talmente conosciuto anche da vivo, soprattutto grazie alle sue straordinarie capacità taumaturgiche, che venne venerato e canonizzato in tempi brevi (1325). San Nicola viene venerato come patrono delle anime del Purgatorio e come protettore delle puerpere e nelle difficoltà dell’infanzia. La splendida basilica vale bene la visita.

Nel territorio del comune di Tolentino si trova anche la Riserva naturale dell’abbadia di Fiastra, che si estende su 1.800 ettari a circa 10 km da Macerata. La visita all’abbadia permette di trascorrere ore di relax immersi nel verde dei prati, seguendo i percorsi naturalistici o facendo acquisti nel negozio “La Bottega dei monaci”, che offre miele millefiori, preparati di aloe con miele, marmellate, olio con peperoncino, peperoncino, sale aromatizzato, liquoreria, più prodotti di altri monasteri e oggetti religiosi in generale. (www.monacifiastra.it).

Infatti, all’interno della riserva naturale si trova l’Abbazia di S. Maria di Chiaravalle di Fiastra, che ospita ancora oggi una comunità di monaci cistercensi, che vivono nel monastero a fianco dell’abbazia. Questi arrivarono nelle Marche nel 1142 dal monastero di Chiaravalle di Milano e costruirono l’abbazia, iniziata l’anno del loro seguendo le indicazioni di San Bernardo e ricorrendo ad architetti – monaci francesi che si avvalsero di stilemi tipici dell’architettura cistercense.

Related Posts